LA PRIMA ECOSTALLA D'ITALIA

Precedente
Successivo

#acacciaditesori

Ogni persona un tesoro, ogni tesoro una storia, ogni storia un video. Scoprili tutti!

L’Ecostalla rappresenta un modello di economia circolare, di allevamento eco-sostenibile, totalmente decostruibile, che migliora significativamente il benessere animale e di conseguenza la qualità del latte prodotto. La stalla è realizzata in legno e coperture trasparenti. Gli animali hanno a disposizione molto spazio per muoversi sopra una speciale lettiera naturale, che non necessita delle cure continue delle lettiere tradizionali.

Il prototipo realizzato nel 2013 è stato testato per quattro anni, in collaborazione con la Facoltà di Veterinaria dell’Università di Torino ed i risultati evidenziati dallo studio effettuato sono davvero incoraggianti. 

Totalmente decostruibile

Utilizzo di una lettiera compost

A consumo zero di suolo

Come funziona?

Luminosa e arieggiata, mantiene gli animali in condizioni più sane e vicine a quelle naturali (per illuminazione, temperatura e umidità dell’aria). Le vacche vivono su una lettiera di compost che arriva dalle nostre case, che viene rivoltata giornalmente, senza alcun spandimento di deiezioni animali.  Ogni anno si rimpiazza la lettiera, mentre quella vecchia può essere utilizzata come fertilizzante biologico per concimare.

La stalla, priva di fondazioni cementizie, permetterà in futuro un’agevole riconversione dell’appezzamento di terreno su cui è costruita ad altri usi agricoli.

Le vacche ospiti dell’eco-stalla hanno dimostrato di gradire la nuova sistemazione, risultando più in forma e più produttive rispetto alle colleghe della stalla tradizionale.

CoopTesoriBIO_ecostalla_01

Risultati della sperimentazione con l’Università di Torino

Sul fronte del benessere animale si registra una decisa riduzione di patologie di tipo podalico, dettato dal fatto che gli animali ovviamente vivono meglio sulla terra che non sul cemento e rilevanti sono anche i dati sulla quantità del latte prodotto (superiore circa del 10% rispetto al gruppo di controllo testato nella stalla tradizionale), ma soprattutto sulla qualità. 

Maggiore quantità latte prodotto (+9%)

Miglioramento dell'indice di fertilità (+30%)

Migliore qualità del latte (proteine + 8%)

Riduzione delle patologie animali

Impatto sociale

DECOSTRUIBILITÀ e SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE

L’Ecostalla è completamente decostruibile, evita la perdita di suoli fertili con la cementificazione ed è particolarmente adatta anche a zone ad alto rischio sismico. Il costo di costruzione è di circa quattro volte inferiore alle stalle tradizionali.

INCLUSIONE SOCIALE

Il modello di organizzazione della stalla privilegia l’elemento umano pur utilizzando tecnologie innovative. 

FILIERA CORTA e QUALITÀ delle produzioni

La sperimentazione ha evidenziato che la materia prima latte prodotta nell’Ecostalla ha parametri qualitativi migliori, che conferiscono ai prodotti caseari biologici trasformati una qualità migliore, offrendo ai consumatori una filiera totalmente tracciata, dal campo alla tavola.
Innovazione rispetto ai nostri competitors per un BIO 3.0

Progetti per il futuro

Il monitoraggio dell’Ecostalla nella fase di sperimentazione ha dato risultati assolutamente positivi, che confermano come questo modello sia una risposta a molte urgenze sociali: inclusione, ecosostenibilità, economia circolare. Per questo motivo stiamo progettando una conversione dei nostri allevamenti.

Le fasi del progetto

  • FASE 1

    Costruzione della nuova ecostalla con l'abbandono totale del sistema di allevamento tradizionale
  • FASE 2

    Creazione del nuovo marchio o disciplinare "Ecostalla" per la creazione di una nuova linea di prodotti
  • FASE 3

    Creazione di un comprensorio biologico che consentirà a 10/15 aziende della zona la riconversione al biologico per la fornitura di foraggio alla cooperativa
  • FASE 4

    Valutazione della replicabilità su scala industriale del modello in collaborazione con aziende che operano nel settore della bioedilizia

Prove di futuro nella stalla ecologica dove il cemento fa spazio al compost

leggi l’articolo pubblicato sul n. 209 di Altreconomia